Comunicare secondo natura, la riserva naturale della foce del Trigno: un fiume di risorse, un mare di opportunità

Smaltimenti Sud
mama caffè bar venafro
La Molisana Natale plastica

MONTENERO DI BISACCIA – L’istituzione della riserva naturale della foce del Trigno ha il fine di conservare gli ecosistemi, il   mantenimento della biodiversità e del paesaggio, la ricerca scientifica e lo sviluppo sostenibile del proprio territorio.

“Gli ecosistemi e i servizi che la Natura fornisce – si legge in una nota diffusa dall’Associazione Ambiente Bassi Molise – sono messi sotto pressione dall’espansione urbana, dall’agricoltura intensiva, dall’inquinamento, dalle specie invasive e dai cambiamenti climatici.

Raggiungere l’obiettivo del 30% che la UE si è imposta e, contribuire a contrastare i cambiamenti climatici ed il degrado dell’ambiente richiesti dall’agenda ONU 2020/2030.

Di questo hanno parlato i relatori del convegno che si è svolto a Montenero di Bisaccia nel pomeriggio di sabato 16 u.s. sollecitando l’istituzione di una riserva naturale alla foce del Trigno (già sito S.I.C.).

Un obiettivo quello del 30% da raggiungere entro il 2030 e che coinvolge tutte le amministrazioni locali ma soprattutto dovrebbe “interessare” la regione Molise che, continua a non rispondere alle sollecitazioni del territorio. Sono passati ormai sette anni dalla proposta del comune di Montenero di Bisaccia (delibera C.C. n. 44 del 21/12/2016) a cui le amministrazioni Frattura e Toma non hanno dato alcuna risposta e, quella attuale Roberti, sembra seguire l’iter, ormai consolidato, del silenzio assordante.

Invitati al convegno (con PEC prot. arrivo 00151268 del 02/10/2023) non abbiamo avuta nessuna risposta.

Ci dispiace dover constatare che la regione Molise continua a non cogliere l’opportunità e i vantaggi che, l’area protetta alla foce del Trigno, porterebbe a tutto il territorio molisano.

Risposta ai cambiamenti climatici, tutela della biodiversità, qualità ambientale, valorizzazione del territorio e turismo attivo e sostenibile sono elementi che fanno la differenza nel Molise e la consapevolezza nei confronti dell’Area Protetta crescerebbe se i rappresentanti delle Istituzioni si assumessero la responsabilità di parlare di fatti concreti e non decidendo di rispondere con il silenzio assoluto”.

Di fronte a questo scenario, perdere l’opportunità e i benefici che deriverebbero dall’istituzione dell’Area Protetta ci sembra davvero insensato.

Auspichiamo si possa cominciare a dialogare con l’amministrazione Roberti per realizzare un’area protetta alla foce del fiume Trigno e creare un modello di gestione innovativo, in grado di tenere insieme terra e mare, e capace di guardare alle reali esigenze dell’ambiente e del territorio, dei cittadini e operatori turistici”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittermail

Pubblicità »

Bar Ritrovo Pozzilli punto Lis Gratta e Vinci
caffè, ristorante, centro commerciale, melograni, roccaravindola

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

seguici »

Facebooktwitteryoutubeinstagram

Pubblicità »

caffè, ristorante, centro commerciale, melograni, roccaravindola
Bar Ritrovo Pozzilli punto Lis Gratta e Vinci

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

seguici »

Facebooktwitteryoutubeinstagram

aziende in molise »

Agrifer Pozzilli
Esco Fiat Lux Scarabeo
fabrizio siravo assicurazioni
Edilnuova Pozzilli
Bar il Centrale Venafro
error: