Festa Sant’Antonio Abate, il “Colozza” di Campobasso “riscopre” le tradizioni religiose e popolari della città

Smaltimenti Sud
mama caffè bar venafro
La Molisana Natale plastica

CAMPOBASSO – La Scuola “Colozza”, in sinergia con il Parroco Don Ugo Iannandrea della Parrocchia di Sant’Antonio Abate che ha accolto con entusiasmo la collaborazione del Coro “Voci Bianche dei Giovani Sanniti”, si prepara a rivivere l’attesissima Festa del 17 gennaio in cui piccoli e grandi rivivranno l’antica tradizione religiosa.

La festa ha il suo scenario obbligato nella chiesa di Sant’Antonio Abate mentre sul sagrato vengono ammassati i ciocchi di legna che al tramonto si accendono e che continueranno ad ardere per tutta la serata, sancendo ufficialmente l’inizio del Carnevale. Gli alunni della “Colozza”, guidati dai loro docenti, hanno riscoperto le antiche leggende dell’eremita dalla lunga barba bianca, hanno realizzato creativamente disegni sul personaggio e su scene leggendarie ad esso legate e si sono dati appuntamento intorno al falò per riscoprire pienamente emozioni che sembrano antiche ma che continuano a nutrire l’anima di tutti. La messa del 17 gennaio, alle ore 18:00, presso la chiesa di Sant’Antonio Abate, sarà celebrata da sua Eccellenza Monsignor Giancarlo Bregantini. Ad animare la liturgia penseranno i trenta ragazzi del Coro dell’Istituto “Colozza” che, nel corrente anno scolastico, hanno intrapreso lo studio di un repertorio finalizzato ad accompagnare le celebrazioni religiose del proprio territorio con l’obiettivo di comprenderne maggiormente il significato e contestualmente avvicinarli alla pratica e allo studio della musica sacra e polifonica.

Le ricerche condotte dagli alunni della “Colozza” sulla ricorrenza del 17 gennaio ci ricordano che “Sant’ Antonio Abate era un eremita egiziano vissuto nel III secolo dopo Cristo che dedicò la sua esistenza alla preghiera e all’aiuto verso i bisognosi. Lasciò presto la sua agiata famiglia per donare tutti i suoi beni ai più poveri; e per molti questo lo accomuna a San Francesco. Ben presto, affidata la sorella ad una congregazione religiosa, si rifugiò in un fortino nel deserto e da eremita pregava giorno e notte e si teneva compagnia con animali e uccelli. Così, visse oltre vent’anni. Per questa ragione, molti lo chiamano Sant’Antonio del Deserto. Sant’Antonio oltre che Anacoreta, così venivano chiamati gli eremiti al tempo, fu anche taumaturgo: ben presto, infatti, molti uomini accorsero al suo fortino per chiedergli il miracolo della guarigione da malattie e possessioni demoniache. La sua figura fu così importante che Sant’Antonio divenne il riferimento spirituale per molte comunità di eremiti formatesi nel deserto. Si dice che Sant’Antonio Abate morì così, solo tra i suoi animali e il suo orto, all’età di 105 anni ma rimanendo eterno nella storia del calendario cristiano che ogni anno, il 17 gennaio, lo ricorda come santo protettore degli animali domestici, patrono dei maiali e della stalla, dei salumai e dei macellai. Attorno al Santo aleggiano tantissime leggende, quasi tutte legate al simbolo del fuoco e del maiale. Per molti lui è Sant’Antonio del Fuoco, dove le fiamme indicano il rinnovamento e il buon auspicio per il raccolto e ancora oggi, nelle campagne, lo si venera come simbolo del passare delle stagioni. In tanti luoghi in onore del Santo si accendono dei falò la notte del 17, per cacciare via il male che, ardendo nelle fiamme, può lasciare spazio al nuovo. Ma la simbologia del fuoco si lega a Sant’Antonio anche per i suoi miracoli; infatti, in antichità molte malattie della pelle venivano chiamate ‘fuoco’. Legate al maiale sono tante le storie. Si dice che mentre Antonio era in viaggio attraverso il mare, una scrofa lasciò ai suoi piedi un maialino molto malato; il Santo lo guarì con la preghiera e da lì in poi divenne il suo compagno inseparabile. Ma di storie che vogliono Sant’Antonio Abate raffigurato con un maiale e le fiamme ce ne sono altre; ad esempio, un’altra leggenda racconta che questi scese all’inferno per affrontare Satana e per mettere in salvo alcune anime, ma per distrarre il diavolo mandò il suo maiale con una campana legata al collo. Sant’Antonio riuscì così a rubare il fuoco infernale e donarlo agli uomini sulla terra. Un’altra leggenda, legata alla notte del 17 gennaio dice che quella notte, quando il Santo era in vita, gli animali attorno a lui acquisirono la capacità di parlare; questo evento, secondo la leggenda, segnò l’immaginario collettivo come un segno di mal augurio, e così le persone presero l’abitudine a starsene alla larga dalle stalle la notte del 17 gennaio”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittermail

Pubblicità »

caffè, ristorante, centro commerciale, melograni, roccaravindola
Bar Ritrovo Pozzilli punto Lis Gratta e Vinci

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

seguici »

Facebooktwitteryoutubeinstagram

Pubblicità »

Bar Ritrovo Pozzilli punto Lis Gratta e Vinci
caffè, ristorante, centro commerciale, melograni, roccaravindola

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

seguici »

Facebooktwitteryoutubeinstagram

aziende in molise »

Agrifer Pozzilli
Esco Fiat Lux Scarabeo
Bar il Centrale Venafro
fabrizio siravo assicurazioni
Edilnuova Pozzilli
error: