Le tecnologie più utilizzate nei giochi in rete

Boschi e giardini di Emanuele Grande
La Molisana Natale plastica
mama caffè bar venafro
Smaltimenti Sud

Le tecnologie più utilizzate nei giochi in rete

Quando si parla di giochi in rete si tende a pensare alla ricca proposta di titoli che offrono le piattaforme, ma anche alle tante tipologie di bonus. Eppure, per rendere interessante e sicuro il funzionamento dei giochi sono imprescindibili le tecnologie usate.

Quella che per prima cattura i nostri sensi è legata all’estetica del gioco. Gli algoritmi capaci di creare le grafiche o riprodurre i suoni sono utilizzati per conferire al gioco quella personalità che lo rende unico. Grazie ai rendering 3D gli ambienti e i simboli si animano regalando uno straordinario effetto realistico.

Con l’intelligenza artificiale poi i progressi che influiscono sull’esperienza dell’utente non si contano. Si spazia da un miglioramento del customer service alla capacità di prevenire eventuali frodi, così come da un percorso di gioco personalizzato ad una migliore predizione degli esiti delle partite. Quest’ultimo elemento è messo in campo soprattutto nei giochi che prevedono scommesse sportive.

Anche i sistemi di pagamento si affidano alle tecnologie di ultima generazione per essere al passo con le nuove tendenze che si diffondono nella società. Per questo negli ultimi anni il sistema della blockchain si è fatto spazio anche nel mondo ludico, con l’obiettivo di regalare un’esperienza più sicura.

I meccanismi dietro i giochi, però, sono molti di più. Pensiamo innanzitutto che la tecnologia per eccellenza che caratterizza i casinò online legali è quella che assicura l’equità e la correttezza della partita. Si tratta del generatore di numeri casuali, anche noto come RNG, cioè l’algoritmo che garantisce la casualità dei risultati e impedisce che questi siano anche minimamente influenzati da fattori esterni.

Poi con i giochi live sono coinvolti almeno altri due meccanismi: il riconoscimento ottico dei caratteri (OCR) e l’unità di controllo del gioco (GCU). Con il primo avviene il riconoscimento d’immagini e testi, che nel caso del blackjack si traduce nella possibilità di leggere le carte al tavolo. Nel caso della roulette si tratta, invece, di apprendere colore e numero della casella che accoglie la pallina. Con la GCU, invece, si elaborano i dati e si monitorano i risultati, garantendo al dealer l’opportunità di gestire ogni giocatore individualmente.

Insomma, l’utilizzo di sistemi all’avanguardia innalza il livello qualitativo dei giochi, da cui deriva un maggiore profitto per le aziende distributrici ed un upgrade per il giocatore, che scopre e vive letteralmente un nuovo modo di giocare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittermail
Aldo Patriciello, Lega, Europee

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

seguici »

Facebooktwitteryoutubeinstagram
Aldo Patriciello, Lega, Europee

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

seguici »

Facebooktwitteryoutubeinstagram

aziende in molise »

Agrifer Pozzilli
fabrizio siravo assicurazioni
Esco Fiat Lux Scarabeo
Bar il Centrale Venafro
Edilnuova Pozzilli
error: