Regione, Greco e Primiani (M5S) su Hospice e Rsa di Larino “Sono strutture da difendere e valorizzare”

Hospice Larino
mama caffè bar venafro
Boschi e giardini di Emanuele Grande
La Molisana Natale plastica
Smaltimenti Sud

CAMPOBASSO – Tra i cittadini e con i cittadini per affrontare i problemi della sanità e raccontare le battaglie condotte in Consiglio regionale.

Ieri sera, nella sala Freda, a Larino, il Movimento 3 stelle ha ripreso il filo diretto dei pentastellati con le Comunità locale che, dicono loro “è alla base della costruzione di progetti e iniziative per un’intera area che merita interesse nel trovare soluzioni concrete ai problemi che la riguardano”.

Tra i temi sviscerati con i presenti, tra cui diversi amministratori di zona, la mancanza di un sistema di classificazione di priorità delle ricette mediche e il perché i cittadini continuano a vivere l’infinita criticità delle liste d’attesa. Molto interessanti gli spunti arrivati da medici e addetti ai lavori presenti in sala.

“Nel comune frentano – rilevano Primiani e Greco – abbiamo discusso inoltre dell’Hospice, struttura regionale di eccellenza e patrimonio di umanità e professionalità da salvaguardare e potenziare. Nell’ultimo Pos è stato riportato, nero su bianco, la possibilità di individuare una sede idonea e più funzionale di quella attuale per rendere un servizio ancora migliore ai 24 pazienti che accedono alle cure. Siamo dell’idea che l’Hospice deve rimanere a Larino. Davanti al primo cittadino e presidente della Provincia di Campobasso, Giuseppe Puchetti, che ha accolto l’invito a partecipare all’incontro, la nostra proposta è quella di adeguare l’attuale immobile, oppure trasferire il servizio delle cure palliative per i malati oncologici presso l’ospedale Vietri dove sono presenti interni reparti vuoti che vanno necessariamente utilizzati a servizio della popolazione. Impensabile lasciare senza servizi e contenuti uno dei migliori presidi ospedalieri del Molise.

Non da meno riteniamo doveroso attivare immediatamente la struttura di Colletorto, originariamente realizzata come Rsa. Si tratta di un immobile di proprietà dell’Asrem, costato 6,5 milioni di euro, ma da anni desolatamente chiuso e abbandonato. Già in passato ci siamo occupati del problema e oggi grazie al proficuo scambio di vedute con il primo cittadino, Cosimo Mele, che ringraziamento per il suo intervento, abbiamo confermato tutto il nostro impegno per portare la vicenda sul tavolo del Consiglio regionale. Lo faremo in tempi brevi perché Colletorto, come Larino, merita ampia considerazione in merito all’offerta sanitaria pubblica che non deve lasciare indietro nessuno. Su questo aspetto non indietreggeremo di un centimetro.

Il diritto alla salute – hanno aggiunto i due consiglieri regionale del M5S – non può cedere al gioco al massacro della ‘guerra’ tra territori alimentata da provvedimenti che continuano a smantellare pezzo dopo pezzo ogni possibilità di accesso alle cure. Intanto nelle prossime settimane proseguiremo i nostri appuntamenti in Molise per incontrare e raccontare ai cittadini le nostre azioni e proposte nel tentativo di cambiare volto a una terra da troppo tempo alle prese con tagli a servizi vitali.”

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittermail
Aldo Patriciello, Lega, Europee

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

seguici »

Facebooktwitteryoutubeinstagram
Aldo Patriciello, Lega, Europee

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

seguici »

Facebooktwitteryoutubeinstagram

aziende in molise »

Edilnuova Pozzilli
fabrizio siravo assicurazioni
Esco Fiat Lux Scarabeo
Bar il Centrale Venafro
Agrifer Pozzilli
error: