Taglio fondi Pnrr ai Comuni, Gravina (M5S) “Un colpo basso ai Comuni che invece di essere premiati vengono penalizzati”

Molise, Gravina
mama caffè bar venafro
La Molisana Natale plastica
Smaltimenti Sud
Boschi e giardini di Emanuele Grande

CAMPOBASSO – Taglio ai Comuni dei fondi Pnrr, il consigliere regionale del M5S nonché coordinatore del Comitato Enti locali dei pentastellati, ritiene che sia un colpo basso nei confronti degli Enti locali che invece, secondo Gravina, di essere premiati vengono penalizzati e sulla bozza del decreto ministeriale formulata dal MEF e dal ministro Giorgetti e circolata in lungo e in largo in questi giorni.

«Leggiamo con stupore – ha detto Gravina – che nella bozza del decreto attuativo preparata dal MEF i tagli maggiori al PNRR saranno effettuati proprio in proporzione ai fondi ottenuti, mortificando non soltanto gli enti locali ma penalizzando quelli più virtuosi».

Tale decreto attua, in maniera distorta, una norma della manovra di bilancio (comma 533 della legge 213 del 2023) che chiede di assegnare i tagli “tenuto conto” dei fondi PNRR ricevuti da ogni ente. Una formulazione che doveva essere una sorta di salvaguardia degli investimenti del PNRR, ma che in realtà si rivela essere il suo contrario, penalizzando i Comuni, soprattutto quelli che hanno ricevuto maggiori finanziamenti dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza.

«Non bastava, quindi, il progetto dell’autonomia differenziata, peraltro aggravato dai tagli avvenuti a gennaio sul fondo perequativo che dai 4,4 miliardi previsti è stato ridotto a 800 milioni, ed i tagli avviati sull’edilizia sanitaria. Questa bozza di decreto ministeriale è un colpo basso ai Comuni, che invece di essere premiati per la loro capacità di attrarre fondi PNRR, vengono penalizzati. È inaccettabile che i Comuni più virtuosi e capaci di progettare e realizzare investimenti strategici vengano ora puniti con ulteriori tagli. Questo decreto mina la fiducia degli enti locali nel governo e ostacola la programmazione e lo sviluppo territoriale», ha dichiarato Gravina.

«Chi ha guidato o guida un Comune sa bene che i fondi non sono stati assegnati per magia ma solo grazie al lavoro straordinario degli uffici, che stressati dagli indirizzi politici dei sindaci, sono riusciti ad intercettare le opportunità del PNRR in mezzo alle difficoltà della pandemia (e dello smart working) e del rincaro dei prezzi derivanti dal conflitto in Ucraina. Campobasso, solo per fare un esempio a me vicino, ha avuto la capacità di attirare circa 52 milioni di euro di finanziamento con il PNRR e ora è tutta da capire quale sarebbe la percentuale reale della quale potrebbe essere costretto a fare a meno. Questo decreto ministeriale confezionato da Giorgetti e dal MEF ha, tra l’altro, del paradossale ovvero penalizza proprio coloro che hanno permesso al nostro Governo di raggiungere buoni risultati sui Milestone e sui Target del Piano»,

«È evidente che la mano destra non sa cosa fa la sinistra», continua Gravina. «Mentre il ministro Fitto, responsabile del PNRR, e il leader della Lega Salvini si affrettano a minimizzare l’attuazione di questa norma prevista da Giorgetti, anch’egli fra l’altro esponente di spicco del Carroccio, dall’altra parte il MEF resta in silenzio e procede imperterrito su questa strada. Questa instabilità e indecisione non consentono uno sviluppo e una programmazione adeguata per i Comuni e per gli enti locali. Si tratta di un comportamento irresponsabile che danneggia la coesione territoriale e la fiducia nelle istituzioni. Aspettiamo che il ministro Fitto smentisca questa volta con i fatti il collega dell’Economia e rispetti le ragioni dei Comuni, sempre penalizzati quando si tratta di raggranellare risorse per accontentare i desiderata di alleati più attenti alla performance elettorale che ad altro».

Roberto Gravina chiede al Governo Meloni di fare chiarezza immediata e di ritirare questa bozza di decreto che, se approvata, avrà conseguenze disastrose per gli enti locali e per l’intero Paese. «Non possiamo che sperare nell’ennesima retromarcia del Governo, perché altrimenti vorrebbe significare che il progetto stesso del PNRR, che per volontà di chi lo scrisse privilegiava proprio gli investimenti per le regioni del sud, sia stravolto ancora una volta per ingraziarsi l’alleato leghista. È tempo che la maggioranza si assuma le proprie responsabilità e lavori per il bene comune, senza penalizzare chi lavora per il progresso e lo sviluppo dei nostri territori».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittermail

Fascicolo Sanitario Elettronico »

Fascicolo Sanitario Elettronico

PUBBLICITA’ »

Colacem Sesto Campano

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

seguici »

Facebooktwitteryoutubeinstagram

Fascicolo Sanitario Elettronico »

Fascicolo Sanitario Elettronico

PUBBLICITA’ »

Colacem Sesto Campano

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

seguici »

Facebooktwitteryoutubeinstagram

aziende in molise »

Edilnuova Pozzilli
Agrifer Pozzilli
fabrizio siravo assicurazioni
Esco Fiat Lux Scarabeo
Bar il Centrale Venafro
error: