Gigafactory di Termoli, Roberti “Nessuna preoccupazione, ACC ha soltanto riprogrammato le tempistiche con uno slittamento del progetto a fine 2024”

mama caffè bar venafro
Boschi e giardini di Emanuele Grande
La Molisana Natale plastica
Smaltimenti Sud

TERMOLI – Ritardi sui contenuti del progetto della Gigafactory di Termoli, Roberti: “Nessuna preoccupazione, ACC ha soltanto riprogrammato le tempistiche con uno slittamento del progetto a fine 2024”.

La Gigafactory di Termoli, gestita da “Automotive Cells Company” (ACC), ovvero la joint venture tra Stellantis, Mercedes-Benz e TotalEnergies, si occuperà della produzione di batterie per autovetture a partire dal 2026, garantendo l’occupazione di circa 1800 lavoratori. Il mercato riguardante la tecnologia delle batterie per le autovetture, in particolar modo per i veicoli elettrici, sta però cambiando molto rapidamente, e la domanda del mercato automotive si sta spostando verso veicoli dai costi più contenuti.

Alla luce dei repentini cambiamenti del mercato automobilistico e della domanda del mercato, la ACC ha deciso di rinviare a fine 2024 le discussioni sui contenuti del progetto. Discorsi rimandati anche per la Gigafactory di Kaiserslautern, in Germania, mentre dovrebbe partire l’impianto di Douvrin, in Francia.

Sulla questione, attraverso un lungo comunicato, si è espresso il Presidente della Giunta Regionale del Molise, Francesco Roberti, che ha dichiarato: “Nessuna preoccupazione per la Gigafactory di Termoli. Si sta tendendo a dare una piega politica a un’altra situazione di cui a beneficiarne sarà l’intero territorio regionale con tutti i risvolti che conseguiranno all’investimento di ACC nello stabilimento automobilistico di Termoli. ACC, infatti – spiega Roberti – ha semplicemente riprogrammato le tempistiche con uno slittamento a fine 2024 inizi 2025, ovvero per il tempo necessario a condurre gli studi necessari ad apportare adattamenti al progetto industriale. L’obiettivo del CEO di Stellantis, Carlo Tavares, è quello di adeguare i piani d’investimento sui veicoli elettrici al ritmo di crescita delle vendite; mentre, ACC vuole orientare la sua ricerca su batterie a basso costo (probabilmente LFP, Batterie al litio-ferro-fosfato), da montare nelle vetture che, a quel punto, saranno proposte a prezzi più bassi, rilanciando così il mercato. Il produttore europeo di batterie per auto ACC, azienda di proprietà di Stellantis, Mercedes e TotalEnergies, infatti, ha necessità di aprire una ulteriore fase di ricerca e sviluppo, finalizzata a industrializzare prodotti più accessibili, con particolare attenzione alle richieste del mercato automobilistico attuale. L’azienda, dunque, sta aggiornando le proprie tempistiche industriali e le strategie da implementare per fornire al mercato batterie per veicoli elettrici a basso costo.  Intanto – prosegue Roberti – mentre ACC è impegnata nella fase di riprogrammazione, a Termoli, da una parte, stanno proseguendo i lavori allo stabilimento, che permetteranno la riconversione aziendale, mentre dall’altra, si continua a lavorare alla produzione dei motori endotermici, attività che proseguiranno fino alla definitiva riconversione industriale. Con garanzie di continuità industriale per tutti i lavoratori. La Regione Molise sta monitorando, con grande attenzione, le varie fasi che porteranno all’investimento di ACC e alla riconversione industriale e siamo costantemente in contatto con le parti in causa. Nei giorni scorsi, abbiamo tenuto una call conference con Benoit Torres, vice-presidente del Progetto Termoli di ACC, con cui ci siamo confrontati sulle strategie e tappe essenziali del progetto. Lo slittamento a fine 2024 si è reso necessario, come detto, per l’andamento del mercato dei veicoli elettrici, che tra il 2026 e il 2030, secondo gli esperti, vedrà anche in Italia, come già sta accadendo in altri Paesi, una sua importante affermazione. A fronte di quasi 230mila auto elettriche presenti oggi sulle strade italiane, secondo il Governo, nel 2030, il parco auto elettriche circolante nel nostro Paese sarà quasi sette milioni (oltre quattro milioni veicoli elettrici e oltre due milioni ibride plug-in). Facile immaginare – conclude Roberti – le enormi prospettive di sviluppo per tutto il territorio molisano, derivante dall’investimento di ACC, seppur con qualche mese di ritardo”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittermail

Fascicolo Sanitario Elettronico »

Fascicolo Sanitario Elettronico

PUBBLICITA’ »

Colacem Sesto Campano

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

seguici »

Facebooktwitteryoutubeinstagram

Fascicolo Sanitario Elettronico »

Fascicolo Sanitario Elettronico

PUBBLICITA’ »

Colacem Sesto Campano

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

seguici »

Facebooktwitteryoutubeinstagram

aziende in molise »

fabrizio siravo assicurazioni
Agrifer Pozzilli
Bar il Centrale Venafro
Esco Fiat Lux Scarabeo
Edilnuova Pozzilli
error: