Il futuro dell’Euro dopo le elezioni europee

La Molisana Natale plastica
mama caffè bar venafro
Smaltimenti Sud
stampa digitale pubblicità black&barry venafro
Boschi e giardini di Emanuele Grande

Il futuro dell’Euro dopo le elezioni europee

L’euro ha subito un brusco calo all’apertura dei mercati internazionali in seguito ai risultati delle elezioni europee. Particolarmente determinante è stata la decisione del presidente francese Emmanuel Macron di sciogliere la camera bassa del parlamento e di convocare elezioni anticipate per l’Assemblea Nazionale. La moneta unica ha toccato il suo minimo mensile contro il dollaro, perdendo quasi mezzo punto percentuale in poche ore.

L’andamento dell’euro nei confronti del dollaro si dirige verso la parità, influenzato dalle diverse politiche monetarie delle rispettive banche centrali. Mentre la Banca Centrale Europea (BCE) ha abbassato i tassi di interesse, la Federal Reserve (Fed) non sembra intenzionata a seguirne l’esempio nel breve termine.

Impatto delle Elezioni Europee sull’Euro

A seguito delle elezioni europee, il valore dell’euro sui mercati internazionali ha registrato un significativo calo. Nei confronti del dollaro, la moneta di riferimento a livello globale, l’euro ha perso circa mezzo punto percentuale in mattinata, scambiato a 1,0736 dollari, il livello più basso da un mese. Questo calo, pur atteso, è stato accentuato dai risultati elettorali sfavorevoli ai governi in diversi paesi europei.

In Francia, la situazione è particolarmente critica. Il partito euroscettico e di estrema destra Rassemblement National ha ottenuto oltre il 31% dei voti, superando di gran lunga il partito del presidente Emmanuel Macron. In risposta ai primi exit poll, Macron ha annunciato lo scioglimento dell’Assemblea Nazionale e l’avvio del processo per elezioni anticipate.

Anche in Germania, l’avanzata dell’estrema destra con l’AfD, che ha raggiunto il 16%, preoccupa gli investitori riguardo alla stabilità delle istituzioni europee e dell’euro. Tuttavia, la traiettoria del valore dell’euro era già in parte tracciata.

Politiche Monetarie e Parità con il Dollaro

L’euro sembra destinato a raggiungere la parità con il dollaro nel medio periodo. La BCE ha ridotto i tassi di interesse dello 0,25% in risposta ai risultati soddisfacenti dell’inflazione, attorno al 2% ritenuto ideale, e a una crescita economica che in alcune aree, come l’Italia, rimane debole. La riduzione dei tassi è vista come un incentivo economico, ma ha conseguenze significative, soprattutto se altre banche centrali non seguono la stessa politica.

La Fed, infatti, ha annunciato che non ridurrà i tassi di interesse nel breve termine. Gli Stati Uniti continuano a registrare un’inflazione relativamente alta e una crescita economica più robusta rispetto all’Europa, non necessitando di ulteriori stimoli monetari.

Questa divergenza nelle politiche monetarie significa che, mentre la quantità di dollari sui mercati internazionali rimarrà stabile, l’offerta di euro aumenterà. Ciò porterà a una maggiore disponibilità di euro, contribuendo ulteriormente al calo del suo valore rispetto al dollaro.

Quadro globale

L’aggiunta di 272.000 nuovi posti di lavoro non agricoli e la crescita dei salari superiore al 4% su base annua hanno scosso le aspettative dovish della Federal Reserve (Fed) venerdì scorso. Questo ha spinto il rendimento dei titoli a 2 anni dal 4,70% al 4,90% in un solo movimento, mentre il rendimento a 10 anni è salito al 4,45%. L’indice del dollaro USA ha superato le medie mobili a 100 e 200 giorni senza esitazione, e questa mattina in Asia ha superato anche quella a 50 giorni. Siamo tornati al punto di partenza, dove la Fed difficilmente può giustificare un taglio dei tassi quando i dati sull’occupazione rimangono forti e l’inflazione non si riduce velocemente.

La suspense su ciò che la Fed pensa non durerà a lungo; la Fed inizierà domani la sua riunione di due giorni e annuncerà la sua ultima decisione mercoledì, subito dopo l’aggiornamento sull’Indice dei Prezzi al Consumo (CPI) di maggio. È possibile che le pressioni sui prezzi negli Stati Uniti si siano stabilizzate e persino leggermente attenuate per la cifra core a maggio, ma i numeri si aggirano ancora intorno al 3,4-3,5%, ben al di sopra dell’obiettivo del 2% della Fed. Il percorso per ridurre ulteriormente l’inflazione si sta rivelando più difficile del previsto. Pertanto, il presidente della Fed Jerome Powell probabilmente chiederà più pazienza, e il dot plot trimestrale probabilmente mostrerà meno tagli dei tassi quest’anno rispetto a quanto previsto a marzo. La previsione mediana potrebbe mostrare uno o al massimo due tagli, in calo rispetto ai tre tagli previsti a marzo. Due tagli indicherebbero che i funzionari della Fed sono preoccupati per un atterraggio duro e una recessione. Il miglior scenario sarebbe un solo taglio dei tassi.

Occhi Puntati su Apple

La reazione dei mercati azionari ai dati sull’occupazione di venerdì è stata contenuta. L’S&P500 e il Nasdaq hanno chiuso leggermente in negativo dopo aver raggiunto nuovi record. La frenesia di GameStop sembra essere finita, con risultati trimestrali deludenti che hanno visto le azioni scendere del 40%. Tuttavia, i principali indici statunitensi hanno registrato guadagni settimanali grazie a un rally delle azioni dei semiconduttori. Questa settimana, l’attenzione degli investitori tech sarà sull’evento annuale WWDC di Apple, dove ci si aspetta che l’azienda sveli i suoi piani per l’intelligenza artificiale (AI).

Euro in Difficoltà

Il rally del dollaro USA post-dati sull’occupazione ha spinto l’USDJPY sopra il livello di 157 e ha fatto precipitare l’EURUSD. Il forex trading sullo yen non si aspetta cambiamenti significativi dalla Bank of Japan (BoJ) dopo i recenti dati di crescita negativa nel Q1. La BoJ potrebbe fare piccoli aggiustamenti agli acquisti di JGB per contenere la debolezza dello yen.

In Europa, l’EURUSD è sceso da circa 1,09 a 1,08 dopo i forti dati sull’occupazione negli Stati Uniti e ha subito un ulteriore colpo a 1,0735 all’apertura settimanale, dopo le elezioni del Parlamento europeo che hanno visto Marine Le Pen ottenere il 32% dei voti in Francia, un risultato scioccante che ha spinto Macron a convocare elezioni anticipate. Il rendimento dei titoli francesi a 10 anni ha iniziato la settimana con un aumento del 2%, e simili avanzamenti si sono verificati altrove. L’EURUSD è tornato a una fase di consolidamento ribassista dopo aver rotto il supporto principale del 38,2% di Fibonacci sul rally da aprile a giugno. L’impatto delle vicende politiche potrebbe essere di breve durata, ma un esito hawkish della Fed mercoledì potrebbe essere più difficile da superare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Facebooktwittermail

Fascicolo Sanitario Elettronico »

Fascicolo Sanitario Elettronico

PUBBLICITA’ »

Colacem Sesto Campano
momà

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

seguici »

Facebooktwitteryoutubeinstagram

Fascicolo Sanitario Elettronico »

Fascicolo Sanitario Elettronico

PUBBLICITA’ »

momà
Colacem Sesto Campano

resta aggiornato »

WhatsApp Molise Network

seguici »

Facebooktwitteryoutubeinstagram

aziende in molise »

Bar il Centrale Venafro
Agrifer Pozzilli
Edilnuova Pozzilli
fabrizio siravo assicurazioni
Esco Fiat Lux Scarabeo
error: